EMERGENZA COVID-19: Grazie alla nostra strategia logistica la consegna dei libri è attualmente IN FUNZIONE.

Al momento attuale è sospesa la consegna solo nelle seguenti zone (per le quali verrà effettuata a fine limitazioni):
Province di: Bergamo, Bologna, Brescia.
Insieme ce la faremo!
VAI ALLO SHOP

logoBODONI

Created On Venerdì, 08 Giugno 2012 22:31

Friuli - Venezia Giulia
2012-06-08
Loris
Torri Postegae
N/A
Pramaggiore
Val Cimoliana - Pian Meluzzo
1170 m
N/A
totale 1200 m
7 ore
N/A
Per amanti del genere
est
N/A
Torre Postegae Nord e Torre di Mezzo
Rifugio Pordenone
N/A
Estate
Dal Pian Meluzzo per carrareccia seguire la Val Meluzzo e successivamente imboccare in direzione Sud la Val Postegae. Dopo circa cinquecento metri attraversare il torrente (ometti) e salire per il bosco. Dopo un tratto più ripido si arriva ad una spianata dove cerano le casere Postegae basse 1421 m. Si sale il ripido bosco per la linea di massima pendenza. Dove la vegetazione si fa più intricata ci teniamo più sulla destra e per tracce di camosci sbuchiamo sul circo ghiaioso sotto le pareti delle Torri Postegae. Risalire il lungo ghiaione fin sotto la verticale della Torre Centrale (2000 m. circa). A questo punto seguire una bellissima e panoramica cengia che da sinistra a destra taglia completamente la parete terminando alla forc. tra le due torri. (non seguire le indicazioni errate della guida Berti che dice di salire alla forcella per canalone perchè impraticabile). Dalla forcella per salire alla torre Nord prendere un evidente e stretto camino e successivamente piegando a destra per una breve parete di rocce rotte e friabili si è in cima (2295 m). Panorama grandioso davanti a noi appaiono schierati i Monfalconi, gli Spalti di Toro con il famoso Campanile di Val Montanaia e più a sinistra l'imponente gruppo della Cima dei Preti. Dalla parte opposta risalta il bastione del Pramaggiore con molte altre cime di rilievo che le fanno da corona.
Ritornati alla forcella attacchiamo dalla parte opposta la Torre di mezzo. Arrampichiamo con attenzione per camini, terrazze detritiche e una cresta instabile fino alla nostra panoramica cima (2230m). Salita priva di segalazioni, niente ometti o tracce di precedenti salite. Difficoltà di secondo grado esposto e friabile ma in un'ambiente incontaminato e allo stato naturale.
N/A


Le indicazioni riportate negli articoli sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, ViviDolomiti.it non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.