EMERGENZA COVID-19: Grazie alla nostra strategia logistica la consegna dei libri è attualmente IN FUNZIONE.

Al momento attuale è sospesa la consegna solo nelle seguenti zone (per le quali verrà effettuata a fine limitazioni):
Province di: Bergamo, Brescia.
Insieme ce la faremo!
VAI ALLO SHOP

Nevegal ... the prequel

Cari tutti, vi scrivo poiché, molto in ritardo, ho scoperto che esiste un progetto di nuova edilizia e nuova viabilità in Nevegal. Le opere di progetto sono nuove case, nuova viabilità, una scuola alberghiera, parcheggi, attività commerciali, centri benessere, ulteriori opere per turismo religioso, aree “attrezzate a verde” ecc.

Sono sicuro che a molti di voi è evidente che gran parte delle volumetrie in Nevegal sono già adesso inutilizzate o sovradimensionate (le due torri, il santuario, molti villaggi ecc.). Costruire nuovi edifici non è nient’altro che, a mio avviso, un’operazione disperata di speculazione, che porterà soldi solo ai costruttori. Infatti al momento non c’è nessuna domanda sul Nevegal, ma si cerca di indurla forzosamente con le urbanizzazioni di progetto.

Lo scenario futuro pertanto sarà, con molta probabilità, l'abbandono di nuove opere oltre a quelle che già danno brutta mostra di sé al Colle, una volta esaurito l'entusiasmo per la novità.

A mio parere si tratta della solita logica, insopportabile, dell’aggiungere cemento al cemento, sperando che si compia un miracolo. I troppi esempi di villaggi e opere gigantesche abbandonate sulle Alpi evidentemente non sono un monito sufficiente.

Il Nevegal non ha neve, ne è in penuria cronica. Anziché tener in vita il malato terminale bisognerebbe pian piano riconvertire l’esistente, smantellare laddove le attività non sono possibili, prediligendo una fruizione “leggera” senza bisogno di tenere in piedi a tutti i costi strutture sempre più costose e sovra dimensionate.

Vi invito a vedere il video (ufficiale) che presenta sommariamente il progetto. Dura 5 minuti e l'audio non è necessario.

Osservate le nuove cementificazioni previste. Osservate che non c’è traccia di riconversione dell’esistente, osservate che c’è soltanto un’insopportabile retorica alla quale i "render" ci hanno abituati. Gente sorridente tra "natura incontaminata" e "borghi lontano dalla pazza folla".

Forse non tutti la pensano esattamente come me, ma un gesto di informazione mi sembrava doveroso, per voi che abitate più o meno ai piedi del nostro Colle.

Assumere una posizione critica è già qualcosa.